Articoli filtrati per data: Marzo 2019 - Ospedale Veterinario Himera: Palermo

Ok del T.A.R. sul libero accesso ai cani sulle spiagge


 E' ufficiale lo ha deciso il T.A.R. i cani adesso potranno andare in spiaggia.

 

Ma ATTENZIONE...!!! nel rispetto dei bagnanti e delle regole base dell' educazione. Quindi cari proprietari di cani munitevi di paletta e sacchetti biodegradabili,

portate con voi i documenti del cane museruola, acqua e un ombrellone, attenti ai colpi di calore, siate prudenti e "buon bagno"..!!

 

Di seguito un estratto della sentenza.Troverete in allegato il PDF della sentenza tutta. Buona lettura.

 

La scelta di vietare l’ingresso agli animali sulle spiagge destinate alla libera balneazione, risulta irragionevole ed illogica,

oltre che irrazionale e sproporzionata, anche alla luce delle viste indicazioni regionali che attribuiscono ai comuni il potere

di individuare, in sede di predisposizione del PUA, tratti di arenile da destinare all’accoglienza degli animali da compagnia.

In particolare come ha avuto modo di precisare la giurisprudenza in vicende del tutto similari, l’amministrazione avrebbe

dovuto valutare la possibilità di perseguire le finalità pubbliche del decoro, dell’igiene e della sicurezza mediante regole

alternative al divieto assoluto di frequentazione delle spiagge, ad esempio valutando se limitare l’accesso in determinati

orari, o individuare aree adibite anche all’accesso degli animali, con l’individuazione delle aree viceversa interdette al loro

accesso (cfr. Tar Calabria, sez. Reggio Calabria, sent. n. 225/2014).

Alla stregua di tali coordinate ermeneutiche deve quindi ritenersi che il divieto - che non vale in assoluto per i gestori degli

stabilimenti balneari a pagamento, che a loro discrezione abbiano creato delle apposite zone di accesso per gli animali non

sia sufficientemente controbilanciato da tale eventualità, non solo per la circostanza di creare una ingiustificata sperequazione

tra cittadini ma anche in quanto affidato, come detto, alla mera facoltà del singolo concessionario.

Per le ragioni si qui esposte, il ricorso è fondato e va accolto, sicché il provvedimento in esame va annullato, nei limiti oggetto

della impugnazione. Le spese di giudizio possono restare compensate tra le parti.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio sezione staccata di Latina (Sezione Prima), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie.
Spese compensate.
Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall'autorità amministrativa.

Pubblicato in news
Martedì, 26 Marzo 2019 10:25

Il tuo cane è iperattivo o agitato...?

Se il tuo cane è iperattivo o agitato, ecco alcuni rimedi naturali per calmarlo.


Dovete sapere che esistono, come per gli umani, delle gocce calmanti anche per i nostri amici a 4 zampe. Esistono su richiesta o in commercio presso le erboristerie diversi rimedi naturali per calmare i nostri cani. Tali rimedi infatti producono nel cane benessere psicofisico che si è alterato da una situazione di stress, panico o paura, che fa diventare il cane un terremoto, specialmente quando si lascia in casa da solo o è spaventato da un temporale ad esempio. Grazie a questo tipo di rimedi naturali aggressività, agitazione e paura possono essere arginati, sempre se il caso non è patologico. Ad ogni modo consultare prima il vostro veterinario, che sicuramente sarà in grado di stabilire la gravità della situazione e prescrivere il giusto rimedio naturale in base al problema specifico.

Quali sono i calmanti per cani?

Tra i più conosciuti, perchè utilizzati anche dall'uomo, ci sono la valeriana e la camomilla, che é un ottimo rilassante soprattutto per i cani.

Anche i Fiori di Bach sono tra i calmanti naturali più efficaci, ancora meglio se mixati in modo ottimale per il nostro cane.

 

La valeriana

La valeriana é un ottimo calmante naturale anche per il cane prorpio per le sue proprietà rilassanti e curative. Si utilizza sopratutto per quelle situazioni di stress, ansia,  che rendono il nostro cane ingestibile. E' molto utile anche in caso di alterazione del sonno o per fronteggiare eventi che possono destabilizzare l’equilibrio mentale del cane, come un temporale, un lungo viaggio,un controllo medico o un trasloco.

 

La camomilla

Un ottimo calmante, sicuramente, é la camomilla, che di fatto é  tra i rimedi naturali più utilizzati in quanto non ha alcuna controindicazione. Basta versarne qualche goccia nella bocca del nostro cane quando è  impaurito o diluirla nella sua ciotola dell’acqua per dargli un sollievo che duri tutto il giorno. Le gocce di camomilla si possono utilizzare anche con i diffusori per ambiente per vaporizzarle e rendere il luogo in cui viviamo calmo e accogliente.

 

I Fiori di Bach

I Fiori di Bach sono in assoluto le gocce calmanti più efficaci per i nostri cani. Questo perché ogni fiore ha una specifica funzione e può essere mescolato con un altro per un mix perfetto. Nei casi di emergenza, in alternativa, si può usare il Rescue remedyche é un misto di fiori generico, utile per tutti i cani. i Fiori di Bach calmano i nervi, alleviano la tensione, eliminano la paura e danno serenità. Non fate comunque di testa vostra, sarà il veterinario a indicarvi il giusto dosaggio.

 

In conclusione possiamo dire che i rimedi naturali aiutano ma l’unico che possa agire anche da sonnifero per il cane è la valeriana, ma il suo effetto non è forte, quindi si parla di un sedativo blando che molto spesso non addormenta il cane e quindi possiamo dire che non esiste un rimedio naturale che possa far dormire il cane come fa un farmaco, se dovesse presentarsi l’esigenza di dover somministrare un sonnifero al vostro cane, consultate il vostro veterinario.

 

 

Pubblicato in news

Con l'aumento delle temperature il nostro amico a 4 zampe

potrebbe avere un "colpo di calore" vediamo come evitarlo.


Con l'inizio della primavera e sopratutto in estate, con l'innalzamento delle temperature il nostro cane potrebbe

subire un aumento della temperatura corporea e quindi entrare in ipertermia o addirittura morire per causa

del colpo di calore. Non bisogna allarmarsi ma seguire delle piccole accortezze.

 

Come ci si accorge che il cane ha caldo?

Salivazione più denza, aumento della respirazione, tachicardia. Il colpo di calore si può presentare inoltre

con vomito, diarrea e svenimento, ma anche debolezza, tremore e ricerca disperata di zone d'ombra.

 

 

Cos'è l'ipertermia?

L'ipertermia è l'aumento della temperatura corporea che va oltre i 39 gradi. I cani si rinfrescano aumentando

la respirazione, ma se non hanno come riparasi dal sole, non hanno acqua, hanno problemi di obesità

o addirittura si trovano in ambienti chiusi e soggetti ad esposizione solare, aumentano di molto la frequenza

respiratoria e ciò potrebbe causare un arresto cardiaco.

 

Come evitare che il cane abbia un colpo di calore?

Molto semplicemente, dovete fare in modo che abbia, innanzitutto sempre acqua fresca, tenerlo in un posto

dove ci sia anche spazio d'ombra dove si può riposare, e sopratutto non lasciatelo chiuso in automobile.

Queste piccole accortezze possono salvargli la vita, non sottovalutate il problema.

 

Cosa fare in caso di colpo di calore?

La prima cosa e cercare di abbassare tempestivamente, ma gradualmente la temperatura del cane 

tenendolo all'ombra e mettendogli addosso dei panni imbevuti di acqua fresca.

Non bisogna forzare la ripresa, lasciate che si riprenda pian piano sopratutto se il cane è anziano.

Il colpo di calore può durare diverse ore, quindi prendete le dovute precauzioni e in ogni caso se si 

dovesse presentare il problema agite tempestivamente e chiamate il vostro veterinario.

 

 

 

 

 

 

 

Pubblicato in news
Mercoledì, 20 Marzo 2019 12:46

Come capire se il Gatto è avvelenato

Sintomi e primo soccorso


Bisogna innanzitutto capire se il nostro gatto è avvelenato. Qualio sono i sintomi e cosa fare come primo soccorso per salvargli la vita.

Come sappiamo il gatto è un animale molto autonomo, ma sappiamo anche che è molto curioso e spesso può cacciarsi in qualche pasticcio come,

non potere scendere da posti dove si è arrampicato, contrarre malattie da piccoli animali che ha cacciato o restare incastrato da qualche parte.

Sicuramente quello del gatto avvelenato è il problema più grave, il nostro amico felino per abitudine tende a autopulirsi leccando il pelo, così facendo

può facilmente imbattersi in sostanze talvolta tossiche e sicuramente a lui nocive. Ma si possono imbattere anche in bocconi avvelenati preparati appositamente per lui o 

venire a contatto con cibi che per noi umani sono buoni mentre per lui risultano tossici.

Vediamo alcuni tra gli elementi che per il gatto sono nocivi: cioccolata, diserbante, insetticidi, topicidi, antigelo, antiparassitari per cani ed altro ancora.

Come si riconosce allora un gatto avvelenato? I sintomi possono essere diversi ve ne alenchiamo alcuni che in generale fanno intuire che potrebbe esserci un 

avvelenamento in corso.

  • Lingua o gengive blu
  • Vomito
  • Respioro affanoso
  • Depressione
  • Convulsioni
  • Difficoltà respiratorie
  • Urine scure
  • Tremore o contrazioni muscolari involontarie

Ci sono tuttavia altri sintomi meno evidenti che potrebbero far credere ad un avvelenamento, quali:

  • Brividi
  • Tosse e starnuti frequenti
  • Dilatazione pupillare
  • Urinazione frequente
  • Irritazione gastrica
  • Debolezza e incoscienza 

I ogni caso se vediamo alcuni tra questi sintomi, accertiamoci che ci siano tracce della sostanza avvelenante vicino o addosso al nostro gatto,

allontaniamolo da tali sostanze, mettendolo in un area più ventilata per non fargli provare un senso di claustrofobia.

La prima cosa da fare è contattare rapidamente il veterinario, sarà lui infatti ad indicarvi cosa fare ed eventualmente che antidoto dare come primo soccorso.

Generalmente in caso di ingestione si può dare primo soccorso provocando il vomito nel gatto in modo da fargli espellere ciò che ancora non ha metabolizzato

seguendo le istruzioni del veterinario dopo avere spiegato cosa ha ingerito il nostro amico gatto.

 

 

 

 

Pubblicato in news
Lunedì, 18 Marzo 2019 10:38

Morso di zecca nel cane: Ecco cosa fare

Il cane è stato morso da una zecca: ecco come comportarsi

 


 Quando portiamo a passeggio il nostro cane, al parco oppure alla villa vicino casa e comunque in posti all'aperto

dove ci sono spazi verdi, quindi piante e vegetazione in genere, nel periodo che va da maggio ad ottobre, potremmo 

avere a che fare con un parassita alquanto fastidioso sia per il cane che per l'uomo: " la zecca".

Questo parassita succhia il sangue alla sua vittima e lo fa senza farsi notare inquanto prima del vero "morso"

inietta un anestetico che non fa percepire la puntura. Ma questo è solo l'inizio, perchè, il morso della zecca può portare

a malattie gravi e a volte anche alla morte. Come facciamo allora ad accorgerci che ci abbiano morso?

 

  • Quali sono i sintomi da morso di zecca

Dopo una puntura da zecca i sintomi che potrebbero presentarsi sono: debolezza. sonnolenza, febbre, anemia, ingrossamento della milza.

E' opportuno una volta rientrati dalla passeggiata fare un accurato controllo, sulla cute del nostro cane, ma attenzione, questo parassita ha la capacità

di insediarsi nelle parti meno evidenti del nostro cane come orecchie o tra le dita delle zampe.

 

  • Cosa fare quando vediamo una zecca nel nostro cane?

Intanto non allarmiamoci, i casi di cani infetti per causa di un morso da zecca sono tra 1-2% dei casi, inoltre se viene rimossa entro

le 24 ore successive le probabilità di rischi si riducono ulteriormente. Sopratutto se facciamo un buona prevenzione e utiliziamo gli antiparassitari specifici

il rischio si riduce a "0". Nel caso del morso comunque è sempre sana abitudine rivolgersi al prorpio veterinario di fiducia.

 

  • Quali possono essere le conseguenze del morso della zecca?

La zecca è un vettore di malattie, cioè trasporta patologie per via del contatto diretto col sangue, quindi il suo morso può essere dannoso.

Quali malattie può trasmettere? Sostanzialmente 2 la Piroplasmosi o Bableiosi che si localizza nei globuli rossi causando anemia e ingrossmento della milza,

e la Ehrlichiosi o Ehrlichia Canis, è un batterio che si localizza nei globuli bianchi del sangue e causa dimagrimento, sonnolenza, febbre alta, e agisce sul sistema schelòetrico e su quello nervoso.

Esistono tuttavia altri tipi di patologie come la Borelliosi, la Rickettsiosi, l'Anaplasmosi e la Malattia di Lyme un infezione batterica che provoca danni agli organi interni ed al sistema nervoso. 

 

 

Pubblicato in news

 

Anche sul nostro amico a 4 zampe a volte capita di vedere della forfora. 

Vediamo di cosa si tratta e come curarlo.


 Il nostro cane a volte presenta sul pelo scaglie di pelle morta, e più si gratta più se ne forma, la cosidetta "forfora".

Cerchiamo di capirne le cause per trovare il rimedio più adatto.

 

  • Cattiva alimentazione

Se il cane beve poco e mangia male la sua pelle non ha il nutrimento necessario, la pelle si desquama formando la forfora.

A questo a volte si accompagnano perdita del pelo ed eccessiva magrezza. Cambiando alimentazione incrementando l'apporto di 

acidi grassi tipo Omega3 e vitamine del gruppo B e acqua minerale a sufficenza, il problema potrebbe risolversi in modo naturale.

Chiedere sempre e comunque il parere del vostro dermatologo veterinario di fiducia.

 

  • Scarsa Igiene o lavaggi eccessivi

 Lavare raramente o troppo possono essere tra le cause della formazione della forfora nel cane. 

Succede perchè la scarsa igiene favorisce la proliferazione di piccoli e fastidiosi ospiti indesiderati e al contrario

i lavaggi eccessivi possono far diminuire il sebo cutaneo che favorisce l'idratazione del pelo.

 

  • Cambiamenti ormonali

Anche i cambiamenti ormonali possono determinare la formazione di forfora, ma anche problemi di tipo endocrini come 

squilibrio ovarico e ipotiroidismo. In quel caso solo il veterinario potrà trovare la giusta cura a questi tipi di fastidi.

 

  • Allergia

Anche i cani hanno problemi allergici. I cani in fase allergica producono una sostanza chiamata Istamina che provoca

prurito, arrossamento, edema e desquamazione. Anche in questo caso sarà solo il nostro veterinario a trovarne la cura più adatta.

 

  • Stress

 Anche i cani soffrono di stress e questo può essere determinato da diversi fattori come per noi umani.

E a proposito cercare di trattare un cane come un essere umano, e quindi con le nostre abitudini è spesso

causa di stress. Lo stress può rivelarsi anche con episodi di vomito violento, defecazione eurinazione frequenti e

comportamenti anomali. Una visita dal veterinario è sempre la soluzione più adeguata.

 

  • Dermatite batterica o fungina

Sull'epidermide del cane sono presenti anche batteri o funghi. Come per altre patologie anche in questo caso la pelle

si inspessisce per creare una barriera protettiva e quando si riduce si desquama formando la forfora, che può essere

debellata con l'uso di shampoo o compresse antifungini o antibatterici e di disinfettanti specifici.

 

  • La Cheyletiella o "forfora che cammina"

La Cheylesiella è un acaro, parassita, che deposita le uova sulla pelle e viene trasmesso da cane a cane o anche al gatto

e talvolta anche a ll'uomo. Questi acari provocano un prurito molto forte

e sono più grandi rispetto ad altri acari, tanto che si riescono a vedere con una lente di ingrandimento. La loro forma

e il loro colore ricorda delle piccole squame che si muovono lungo la cute del cane, ecco perchè si chiama forfora che cammina.

Questo problema si risolve solo con antiparassitari prescrivibili dal veterinario.

 

  • Leishmaniosi

Tra le cause della forfora nel cane, potrebbe esserci la leishmaniosi, infatti, uno dei sintomi principali è appunto la 

formazione di forfora cutanea. In questo caso si fa fare un prelievo ed un test anti-leismania per scoprire se il nostro cane è 

infetto. In questo caso è bene intervenire quanto prima, la leishmaniosi può anche essere trasmessa all'uomo.

 

 

Pubblicato in news
Mercoledì, 13 Marzo 2019 10:23

Antiparassitario: qual è il migliore?

Antiparassitario: qual è il migliore?

 


 Parliamo di prodotti naturali e non e mettiamoli a confronto.

Iniziamo col ricordare che l'antiparassitario è un farmaco, e quindi come tale va trattato.

Molti di voi sicuramente si chiedono quale sia il migliore antiparassitario per i nostri pelosetti, ed è una domanda molto importante.

La scelta a volte è ardua. In questo articolo ne citeremo alcuni, ma ricordiamo che è sempre meglio rivolgersi al prorpio medico veterinario per trovare il più adatto al nostro cane.

  • Antiparassitario naturale o no.

L' antiparassitario può essere naturale o creato in laboratorio, il suo scopo è quello di proteggere il nostro cane da ospiti indesiderati, evitanto brutti fastidi o in aluni casi patologie

che portano fino alla morte.

Di solito la somministrazione dell'antiparassitario avviene prima che arrivi l'estate, perchè proprio in estate si ha l'aumento di: pulci, zecche, pappataci e zanzare.

Se abitiamo in zone dove il clima è caldo umido l'antiparassitario probabilmente verrà prescritto anche durante tutto l'anno.

  • Qual è il migliore antiparassirtario?

Ne esistono talmente tanti che diventa difficile stabilire quale effettivamente sia il migliore dato che ogni cane ha un tipo di reazione diversa a tipo diverso di antiparassitario,

che sia compressa, spray, pipetta, collare o shampoo. E' sempre indispensabile fare vedere il nostro cane, prima di somministrare qualsiasi antiparassitario, al nostro veterinario.

Inoltre ne esistono alcuni che risultano essere mortali per i nostri amici gatti, fate molta attenzione, come l'Advantix®, ottimo rimedio per zecche, pulci, zanzare e pappataci, sotto forma di pipetta.

Frontiline® Combo, altro antiparassitario in pipetta ottimo contro: pidocchi, pulci e zeche, sia per cani che per gatti.

Poi esistono diversi tipi di compresse e di collari, quelli della Bayer® sicuramente hanno un ottima efficacia e raggio di protezione che varia dai 4 agli 8 mesi.

Le compresse invece vanno bene per quei cani con problemi epidermici, e vanno sempre sotto prescrizione del medico veterinario.

E infine i rimedi naturali contro pulci e zecche, nella maggior parte dei casi, sono a base di olii essenziali, e sono: olio di neem, Tea Tree oil o argilla. Rimedi molto efficaci senza particolari controindicazioni.

ovviamente il vostro veterinario saprà indicarvi il più adatto in base al peso, età e sensibilità del vostro cane. E anche possibile creare un collare immergendo un pezzo di stoffa in una miscela di olio di neem e argilla.

In conclusione: non esiste il migliore antiparassitario, ma il più adatto. E' necessario quindi, sempre, l'opinione del vostro medico veterinario di fiducia.

 

 

Pubblicato in news
Martedì, 12 Marzo 2019 11:39

Sei un buon padrone...???

I nostri amici a quattro zampe hanno bisogno di cure e attenzioni. Sei un buon padrone?

 


 Prendersi cura dei nostri pelosetti non vuol dire solo portarli a spasso o dargli da mangiare.

Avere un animale domestico comporta anche diritti e doveri; vediamo quali sono:

  • Registrazione del cane all'anagrafe canina.

Per prima cosa si provvede all’identificazione e registrazione all'anagrafe canina secondo le disposizioni della propria Regione di appartenenza.

A partire dal 2005 è stato introdotto e reso obbligatorio il microchip sia per i cani di razza, sia per meticci. la registrazione va fatta entro 30 giorni dalla nascita e non oltre i 2 mesi.

si può fare o dal proprio veterinario o dalle strutture ASL pagando una piccola sanzione se non sono stati rispettati i tempi previsti dalla legge.

Cosa Bisogna fare per essere un buon padrone?

  • Comprate una medaglietta

Un accessorio indispensabile è appunto la targhetta con il nome del vostro cane il vostro nome ed un numero di telefono e indirizzo

nel caso in cui il vostro cane si smarrisca.

  • Un guinzaglio non più lungo di 1,5 mt
  • Una museruola (rigida o morbida)
  • Raccogliere sempre le feci del proprio cane con appositi guanti e sacchetti nel rispetto del decoro cittadino
  • Fare attenzione all'educazione del prorpio cane. Se non si sa come comportarsi rivolgersi ad un centro autorizzato e specializzato nell'addestramento cinofilo.

Avete il dovere di vaccinare il vostro cane.

La prima vaccinazione va fatta circa a 45 giorni dalla nascita. Successivamente vanno fatti altri due richiami a distanza di 21 giorni l'uno dall'altro

in questi giorni il cucciolo deve stare in casa lontano da altri cani e da possibili contagi.

Un'altra cosa fondamentale durante i primi giorni è la sverminazione, si fa prima del primo vaccino, chiedete pure al vostro veterinario.

Portate con voi sempre il ibretto sanitario del vostro cane in modo tale da poter avere tutto sotto controllo.

Avete segnato tutto? Avete fatto tutto o parte di ciò che avete letto? 

Se avete fatto tutto.. bene siete i padroni perfetti..!! 

Se avete fatto solo parzialmente ciò che avete letto... Correte ai ripari subito. La perfezione può essere ancora raggiunta.!!!

Pubblicato in news
Lunedì, 11 Marzo 2019 11:29

Sangue nelle feci del Cane

Sangue nelle feci: Cause, effetti, e possibili soluzioni.


Quando c'è sangue nelle feci del cane, normalmente ci si preoccupa e ci si allarma un pò. Sappiate che le feci con sangue è un sintomo molto comune con il  quale ogni proprietario,si confronta almeno una volta nella vita. In ogni caso è bene sapere da dove viene questo sintomo. Per prima cosa, portare il cane da un veterinario, prima di consultare "Google" per escludere gravi patologie ed eventualmente iniziare una terapia.

 Colore rosso vivo: ematochezia

Se il sangue nelle feci è di colore rosso vivo è meno grave di quello che sembra, a meno che sia ripetitivo e abbondante. Se è rosso, significa che proviene dalla fine dell’intestino crasso e molte volte è dovuto ad un’irritazione dell’ano che ha origine infiammatoria o a volte parassitaria. In questo caso, si parla di ematochezia. Sono diversi i problemi, più o meno gravi che portano a questo tipo di sintomo:

  • Parassitaria:Vermi, tricocelfali, ascaridi. I più pericolosi sono i coccidi, i anchilostomi ed i nematodi. Bisogna far fare um prelievo delle feci dal veterinario, per determinare esattamente di quale parassita si tratta per potere prescrivere una cura.
  • Intolleranze alimentari: l’intolleranza o allergia alimentare, provoca irritazioni del colon, con una conseguente diarrea con muco e sangue.
  • Infezione batterica: Colite (infiammazione al colon)
  • Gastroenterite emorragica: è una patologia che causa vomito e diarrea emorragica con molto sangue nelle feci del cane.
  • Parvovirosi: malattia molto grave che riguarda principalmente i cuccioli. Il sangue nelle feci insieme a vomito, diarrea, letargia, perdita di appetito, possono portare alla morte dell’animale.
  • Presenza di un corpo estraneo nel sistema digestivo
  • Disturbi alle ghiandole anali
  • Ascesso o fistole anali
  • Stress

Sangue nelle feci di colore rosso scuro: Melena

Quando il sangue nelle feci ha un colore più scuro, significa che proviene dalla parte più alta dell’intestino quindi da polmoni, stomaco, intestino tenue superiore, o faringe. In tal caso si tratta di "Melena".

  • Ulcere
  • Disturbi di coagulazione
  • Sanguinamento dopo un intervento chirurgico
  • Tumore benigno o maligno al retto
  • Pepto Bismol: se il cane fa uso di questo medicinale non si tratta di sangue nelle feci. È il medicinale stesso che provoca delle feci scure. Una volta finito il trattamento, il colore tornerà normale.
  • Ingestione del sangue
  • Insufficienza renale
  • Insufficienza epatica
  • Pancreatite
  • Ischemia gastrointestinale
  • Ostruzioni intestinali, ragadi o infezioni batteriche
  • Diarrea emorragica

 Ecco alcuni esami che il veterinario potrebbe richiedere per effettuare una diagnosi accurata:

  • Profilo biochimico del cane
  • Analisi delle urine
  • Esame emocromocitometrico
  • Test per malattie infettive
  • Test di coagulazione
  • Esame delle feci del cane
  • Endoscopia

Prevenzione:

Servono pochi e semplici accorgimenti per prevenire qualsiasi ematochezia o melena nel cane.

  1. Alimentazione corretta: una dieta varia e bilanciata, facendo attenzione al modo e al tempo di somministrazione. 
  2. Pasti regolari e leggeri: non tenete il cane a digiuno per parecchie ore abbondando con le quantità.
  3. Dare sempre acqua fresca.
  4. Controllare, con il vostro veterinario se il cibo che vogliamo dare, non contenga prodotti a loro intolleranti.

Igiene:

Controllare costantemente le feci del proprio cane. Incentivate il vostro animale a fare attività fisica e curatevi regolarmente della sua igiene. Osservate il pelo, le zampe, la bocca, i genitali e le zone glabre in modo da medicare eventuali escoriazioni e verificare la presenza di possibili zone arrossate.

Pulite spesso la sua cuccia. Non lasciare tracce di prodotti chimici ( sapone per piatti, bicabonato con acqua bollente), e tenete alla larga del vostro animale tutti i prodotti per la casa e per il giardino per evitare ingestioni o intossicazioni.

Pubblicato in news
Giovedì, 07 Marzo 2019 10:41

Parassiti e mala informazione

parassiti sono piccoli animaletti molto fastidiosi in grado di trasmettere anche malattie molto gravi, non solo ai nostri amici a 4 zampe

ma anche a noi e alla nostra famigliaLa disinformazione oggi ha raggiunto dei livelli allarmanti. Da una ricerca della DoxaPharma si evince

che il 48% dei proprietari di animali, prende informazioni riguardanti il proprio cane, gatto, etc.. non dal proprio Medico Veterinario ma attraverso

canali alternativi: Social network, Goggle, o altre figure non veterinarie, ed inoltre pare che il 65% di questi non si confronti col proprio Veterinario sulle

informazioni acquisite. E ovvio che questa mancanza di informazione è causa di cattiva gestione della prevenzione

Abuso del farmaco antiparassitario (perchè di farmaco si tratta), o peggio ancora di non utilizzo. Pensando, ad esempio, che l'animale

stando dentro casa non ne abbia bisogno. Consultare il nostro Medico Veterinario che ha dedicato anni di studio per la missione di protezione

degli animali e del nostro ecosistema, non può essere in alcun modo sostituito da internet.Una corretta prevenzione evita cattive sorprese e

spese aggiuntive per tutte le patologie che i parassiti possono trasmettere.

 

Pubblicato in news